• EUTR: pubblicate le nuove linee guida della Commissione UE

    18 febbraio 2016
  • Nota esplicativa MIPAAF a seguito dei primi controlli sull’applicazione dell’EUTR

    21 dicembre 2015

    Nota esplicativa MIPAAF a seguito dei primi controlli sull’applicazione dell’EUTR

    21 dicembre 2015

    Nel corso del mese di ottobre scorso la nostra Federazione aveva pubblicato una circolare recante chiarimenti in merito agli esiti dei controlli sull’applicazione dell’EUTR. All’interno della circolare si riferiva in merito alla richiesta di chiarimenti avanzata all’Autorità competente soprattutto in merito alla tenuta di appositi registri di cui all'articolo 5 del regolamento di esecuzione(UE) n. 607/2012 della Commissione, del 6 luglio 2012.

    In risposta alle richieste di chiarimento avanzate, l’Autorità Competente ha emanato una nota esplicativa (n.0026984 del 11 dicembre 2015) con la quale, ribadendo gli obblighi degli operatori, fornisce un approfondimento in merito ai seguenti punti:
    -           I controlli in Italia;
    -           La tenuta dei registri da parte degli operatori;
    -           Dimostrazione della valutazione del rischio e dell’eventuale mitigazione dello stesso;
    -           Obbligo di tracciabilità per i commercianti.

    Si invitano pertanto tutti i soggetti interessati dall’applicazione del Regolamento EUTR a leggere con attenzione il documento citato: Clicca qui per scaricare la nota esplicativa dell’Autorità competente

    Per le aziende che aderiscono al sistema di due diligence LegnOK messo a disposizione dall’Organizzazione di Monitoraggio Conlegno si ricorda che un’analisi del rischio completa di valutazione, così come quella effettuata tramite il portale LEGNOKWEB, assolve già a quanto chiarito nella nota del Ministero per quanto riguarda la tenuta dei registri obbligatori da parte degli operatori, ad esclusione del nominativo dell’acquirente.

    Il registro può quindi essere già realizzato dall’operatore, archiviando in maniera cartacea o informatizzata le analisi del rischio che devono essere svolte per ogni singolo approvvigionamento EUTR.

    Gli elementi fondamentali della dovuta diligenza quali: descrizione del prodotto, paese di produzione, quantità, nominativo del fornitore, documenti o informazioni attestanti la conformità alla legislazione applicabile, eventuali misure di attenuazione del rischio, con rinvio alla valutazione dell’operatore, devono essere conservati per cinque anni; a tali elementi occorre ricordare però di aggiungere il nominativo dell’acquirente (consumatore finale escluso).

    Conlegno sta predisponendo per i propri operatori un indice, da utilizzare come Registro, in alternativa all’elaborato singolo, che pur ricalcando l’art. 6 dell’EUTR, potrà rimandare ad appositi fascicoli (fisici o elettronici) specifici e a sé stanti in cui sarà organizzata la documentazione volta a dimostrare il percorso logico della dovuta diligenza dell’operatore, come specificato nella nota ministeriale.

  • Controlli EUTR – indicazioni a seguito dei primi controlli sull’applicazione dell’EUTR

    13 ottobre 2015
  • Due Diligence: Conlegno e WWF Italia lanciano il monitoraggio del mercato del legno e della carta

    28 luglio 2015
  • Studio statistico sulle importazioni dell’Unione Europea di legno e prodotti derivati

    23 luglio 2015
  • EUTR iniziano i controlli

    20 luglio 2015
  • Consultazione pubblica per la revisione dell'EUTR

    16 giugno 2015
  • 10/12/14 Pubblicato in GU il Decreto Leg. n.178 del 30/10/14

    Il 25 Dicembre entra in vigore Decreto attuativo e sanzionatorio

    16 dicembre 2014
  • Circolare aggiornata su Decreto nazionale EUTR/FLEGT

    21 ottobre 2014
  • Legno illegale - EUTR

    MIPAAF: approvato in via definitiva il decreto attuativo sul legno illegale

    22 settembre 2014
  • MIPAAF: approvato decreto per attuazione Regolamento UE n. 995/2010

    20 maggio 2014
  • L'AHEC sostiene la lotta al commercio illegale del legno