• Sottoprodotti. Circolare di chiarimento del Ministero dell’Ambiente e incontro a Pordenone il 30 giugno

    07 giugno 2017

    Sottoprodotti. Circolare di chiarimento del Ministero dell’Ambiente e incontro a Pordenone il 30 giugno

    07 giugno 2017

    A seguito delle numerose richieste di chiarimento formulate dopo l’emanazione del decreto ministeriale 264/2016 sui sottoprodotti, il Ministero dell’Ambiente ha pubblicato il 30 maggio una Circolare ministeriale recante «Criteri indicativi per agevolare la dimostrazione della sussistenza dei requisiti per la qualifica dei residui di produzione come sottoprodotti e non come rifiuti». 

    La circolare chiarisce definitivamente che il decreto 264  non innova la disciplina del sottoprodotto  e che la qualifica di un residuo di produzione come sottoprodotto dipende esclusivamente dalla sussistenza delle condizioni di legge, come già evidenziato dalla nota tecnica pubblicata da FederlegnoArredo. Viene specificato che il Decreto non contiene né un elenco di materiali senz’altro qualificabili come sottoprodotti, né un elenco di trattamenti ammessi sui medesimi senz’altro costituenti “normale pratica industriale”, in quanto la valutazione deve essere eseguita caso per caso.  Il Regolamento rimane quindi uno degli strumenti a disposizione dei soggetti interessati per agevolare la dimostrazione della sussistenza dei requisiti necessari alla qualifica di sottoprodotto. Rimane la possibilità di dimostrare la sussistenza dei requisiti richiesti con ogni mezzo e con riferimento a materiali o sostanze diversi da quelli espressamente disciplinati negli allegati, anche mantenendo i sistemi e le procedure aziendali adottati prima dell’entrata in vigore del Decreto o scegliendone di diversi, ferma restando la vincolante applicazione delle pertinenti norme di settore. 

    Sul tema dei sottoprodotti, si informa che il 30 giugno 2017 si terrà un convegno organizzato insieme all’Unione Industriali di Pordenone nel quale verranno approfonditi i contenuti del decreto, le particolarità dei sottoprodotti della filiera del legno, e la disciplina “end of waste”, che regola, a differenza del sottoprodotto, che non è mai considerato rifiuto, il momento e le condizioni alle quali un rifiuto cessa di essere tale. La locandina e le modalità di partecipazione sono disponibili su questa pagina.

    Documenti
  • Legno vergine e sottoprodotti. Un primo chiarimento sulla recente sentenza della Cassazione

    11 aprile 2017
  • Sottoprodotti

    Pubblicato decreto con criteri indicativi per la dimostrazione della sussistenza dei requisiti per la qualifica delle biomasse residuali come sottoprodotti

    27 febbraio 2017
  • Approvazione del “collegato ambientale”: principali novità

    10 febbraio 2016
  • Modificata la direttiva sugli imballaggi - Feb.2013

  • Decreto Francese sul recupero di mobili. FederlegnoArredo incontra Valdelia

    14 marzo 2013
  • Francia - contributo obbligatorio per il recupero dei Rifiuti ingombranti da arredo

    06 gennaio 2012
  • Esportazioni in Germania, nuove regole per gli imballaggi

    01 gennaio 2009