ASSUFFICIO
Associazione nazionale delle industrie dei mobili e degli elementi d'arredo per ufficio
  • Caimi Brevetti, Manerba e Lago in Triennale

    05 marzo 2018
  • Come affrontare le criticità dei CAM

    Sostenibilità ambientale e arredi pubblici

    05 marzo 2018

    Sostenibilità ambientale e arredi pubblici

    05 marzo 2018
    logo_min_ok

    I CAM (criteri ambientali minimi) arredi sono uno degli strumenti di un'ampia strategia che il nostro Ministero dell'Ambiente sta portando avanti da tempo. Come previsto dal Codice Appalti e dal suo correttivo pubblicato in Gazzetta il (D.Lgs. 19 aprile 2017, n. 56), i criteri ambientali minimi per gli acquisti pubblici di arredi, stabiliti dal DM 11/01/2017, devono infatti essere integrati obbligatoriamente nelle specifiche di ogni gara d'appalto pubblica, dallo scorso Aprile 2017.

    Il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha deciso di diffondere, tramite l'applicazione sistematica ed omogenea dei criteri, le tecnologie ambientali e i prodotti ambientalmente preferibili, producendo un effetto leva sul mercato, tale da indurre gli operatori economici meno virtuosi ad adeguarsi alle nuove richieste della pubblica amministrazione. 

    Questi obblighi garantiscono che la politica nazionale in materia di appalti pubblici verdi sia incisiva, non solo nell’obiettivo di ridurre gli impatti ambientali, ma nell’obiettivo di promuovere modelli di produzione e consumo più sostenibili, “circolari “ e nel diffondere l’occupazione “verde”. 
    Tali obiettivi sono certamente condivisibili, tuttavia, a giudizio delle aziende produttrici di arredi per ufficio e dell'associazione di categoria che le rappresenta, le modalità ed i tempi con i quali si è cercato di perseguirli non sono stati idonei, in quanto hanno trascurato la realtà effettiva.

    Nonostante la versione attuale dei CAM sia la revisione di criteri preesistenti, pubblicati già nel 2011 (quindi conosciuti dagli operatori del settore), e sebbene il processo di sviluppo dei nuovi criteri abbia tentato di coinvolgere le parti interessate, l'entrata in vigore dell'obbligo nel 100% degli acquisiti pubblici ha trovato il settore della produzione di arredi per ufficio non adeguatamente preparato

    Diversi criteri hanno imposto requisiti che, al momento dell'entrata in vigore dell'obbligo, non trovavano riscontro in nessun prodotto al momento presente sul mercato. Come è noto, il settore è composto quasi esclusivamente da piccole e medie imprese, la cui attività consiste prevalentemente nella lavorazione e nell'assemblaggio di semilavorati e componenti acquistati da aziende terze. 

    Le caratteristiche richieste dai CAM hanno quindi reso necessaria un’intensa attività di selezione di nuovi fornitori con caratteristiche idonee, attività non sempre semplice, considerando le piccole dimensioni delle aziende coinvolte ed il loro spesso limitato potere contrattuale nei confronti dei sub-fornitori. In più, per alcuni dei requisiti non è stato nemmeno sufficiente cambiare fornitori, poiché la combinazione dei requisiti imposti dai CAM ha richiesto lo sviluppo di componenti e materiali completamente nuovi

    Un esempio è costituito dalle vernici. Secondo i CAM infatti avrebbero dovuto avere un contenuto di solventi organici molto basso, ma al tempo stesso permettere di ottenere elevate prestazioni di resistenza e durata delle superfici nel prodotto finito, impossibili da ottenere da vernici senza solventi.

    Sarebbe probabilmente stato opportuno prevedere un processo di introduzione graduale dei criteri, tale da portare il settore al risultato finale atteso per passi successivi, così come, ad esempio, è accaduto con i severi limiti di emissione di formaldeide dai pannelli a base di legno imposti in California e negli Stati Uniti dal CARB. Il regolamento americano ha previsto due fasi successive con limiti di accettazione progressivi e con chiare date di entrata in vigore, preannunciate agli operatori con anni di anticipo.

    Questi motivi hanno fortemente contribuito a far sì che le prime gare di appalto per la fornitura di arredi per ufficio di rilevanza nazionale che hanno incluso i CAM, ad esempio la Gara Consip arredi 7, si siano chiuse senza alcuna offerta o con un numero di partecipanti estremamente limitato.

    Oltre ai problemi evidenziati sopra, anche la genericità che in alcuni casi caratterizza le indicazioni fornite dagli stessi CAM sulla documentazione necessaria a comprovare il soddisfacimento dei requisiti (ad esempio: non sempre sono citate precise norme tecniche di riferimento) ha sicuramente contribuito a disorientare il settore, incerto, prima di effettuare investimenti, sulla strada da prendere.

    Un dialogo efficace e costruttivo tra Assufficio, i laboratori di settore ed il Ministero dell'Ambiente, ha permesso di pubblicare sul sito web del MATTM una serie di chiarimenti che hanno reso il margine di interpretazione dei criteri meno ampio. Ci auguriamo che questo dialogo possa proseguire, nel comune intento di raggiugere gli obiettivi fissati dal MATTM. Si tratta del resto di un percorso che, in termini generali e superati i singoli ostacoli, ha come effetto collaterale positivo quello di portare le aziende italiane a migliorare il loro grado di competitività sui mercati internazionali in un momento in cui le caratteristiche di sostenibilità ambientale dei prodotti costituiscono ovunque uno dei principali criteri di valutazione dei prodotti.

  • Al Fahim Avenue Group sceglie IVM per arredare la nuova sede

    I migliori arredi per l’ufficio sono italiani

    05 marzo 2018
  • Citterio e Luxy: sinergia tra produttori per un design eco-sostenibile.

    Una nuova sede per Frontiers

    05 marzo 2018
  • Sintesi del seminario “Dalla Burocrazia alla Zainocrazia”

    I nuovi scenari per un ufficio fluido

    05 marzo 2018
  • Un solo standard ambientale europeo

    01 dicembre 2017
  • La normativa tecnica e l’impegno di Assufficio

    01 dicembre 2017
  • Comprendere i CAM arredi, per vendere alla PA

    16 novembre 2017
  • Eletto il presidente di Assufficio

    21 settembre 2017
  • L’Italia primo produttore d’Europa

    21 settembre 2017
  • Standard Level

    06 settembre 2017
  • FEMB: lascia il presidente

    21 giugno 2017
  • Come si muovono i mercati mondiali dell’Arredo Ufficio

    28 luglio 2017
  • BIMobject e Pcon - Li abbiamo incontrati

    23 maggio 2017
  • A Joyful Sense at Work: i progettisti raccontano

    21 febbraio 2017
  • Sintesi del Workshop Assufficio, selezionato nel palinsesto di Design City Milano.

    Green Office Design

    26 ottobre 2016
  • BE AMAZED BY THE ITALIAN OFFICE DESIGN

    27 settembre 2016
  • Report

    Acustica negli ambienti per Collettività, Roma 7 luglio 2016

    18 luglio 2016
  • Il gioco alla base di un nuovo senso felice del lavoro e del workplace

    26 maggio 2016
  • Misura agevolativa del Super-ammortamento

    16 maggio 2016
  • A joyful sense at work: successo superiore a ogni aspettativa

    28 aprile 2016
  • Un modello di gestionale per creare valore aggiunto e innovazione nello Smart Office

    Design Thinking per un Ufficio sempre più Smart

    18 marzo 2016
  • La certificazione Level europea e la sostenibilità dei mobili per ufficio

    15 gennaio 2016
  • Può l’Industrial Design essere un driver di sviluppo e rilancio per il settore Ufficio?

    Il ruolo dell’Industrial Design nel Workplace.

    21 ottobre 2015
  • Assufficio parla dell’ufficio del futuro nel grattacielo più alto d’Italia

    20 febbraio 2015
  • Grande partecipazione al primo seminario del ciclo “Cultura dell’Ufficio a Porte Aperte”

    Qualità e Sostenibilità nel Workplace. Assufficio protagonista e promotore della nuova cultura dell’ufficio.

    12 dicembre 2014
  • L’ufficio fa da apripista in Iran: il Paese più rilevante del Medio Oriente

    03 novembre 2014
  • B2B Iran: Teheran 18-21 maggio 2014

    03 giugno 2014
  • Eletto il nuovo Consiglio Direttivo Assufficio per il triennio 2014-2016

    13 giugno 2014
  • Assufficio presenta i vantaggi concreti dello Smart Working.

    Seminario: “Verso l’ufficio smart, agile, collaborativo. Nuovi scenari per l’Office Design”.

    20 febbraio 2014 di Renata Sias
  • Un Paese che vive cambiamenti epocali e che ha grande apprezzamento per il made in Italy

    Iran: better than you know!