ASSUFFICIO
Associazione nazionale delle industrie dei mobili e degli elementi d'arredo per ufficio
  • Assemblea Assufficio: presenti tutte le aziende del settore

    12 luglio 2019
  • Ufficio: Bene i primi due mesi del 2019 per le esportazioni

    07 giugno 2019
  • Assemblea Generale FederlegnoArredo il 29 maggio a Treviso

    24 maggio 2019
  • MERCATI ESTERI: Torniamo a guardare la Russia

    09 maggio 2019
  • Workplace3.0 e Workspace Expo 2019

    03 maggio 2019
  • 28 febbraio 2019: I nuovi prodotti dello smartworking

    01 febbraio 2019
  • Come sarà l’ufficio tra 5 anni?

    14 dicembre 2018

    Come sarà l’ufficio tra 5 anni?

    14 dicembre 2018

    La tavola rotonda “Visions of Work”, organizzata lo scorso 30 novembre da Assufficio nella sede di Foro Buonaparte, è stata caratterizzata da una partecipazione di pubblico superiore alle aspettative e soprattutto da un’accesa interazione tra l’audience e i tre designers - Cesare Chichi di 967, Robin Rizzini di Metrica e Giovanni Giacobone di Progetto CMR- inviati a illustrare non solo le proprie “Visioni” di ufficio, ma anche i diversi approcci adottati per concretizzare queste visioni in prodotti di serie adattandoli alle diverse realtà produttive e ai diversi mercati, con il vantaggio della doppia expertise di designer e anche di progettisti di interios.

    La panoramica introduttiva di Renata Sias non si è limitata ai trend emersi all’ultima edizione di Orgatec (vedi la sintesi dell’intervento nell’articolo “Trend e Novità da Orgatec”), ma ha dato alcuni spunti alle aziende produttrici.
    Per esempio il suggerimento di “imitare” le strategie di molte aziende straniere, prestando maggiore attenzione alla eco-sostenibilità della catena produttiva fin dalla fase iniziale del progetto così come nella nella certificazione e nella comunicazione, dove spesso le aziende italiane trascurano questo aspetto.
    Con l’adozione degli standard WELL il ruolo degli arredi e degli elementi di interiors assume infatti maggiore valore nell’acquisizione dei crediti e la sostenibilità diventa a tutti gli effetti un elemento importante di confronto con i competitors.

    Una nota critica è emersa parlando delle soluzioni per il Comfort Acustico, un tema inflazionato ma spesso affrontato in modo “naif” e semplificato nella proposta di elementi fonoassorbenti che non sempre generano realmente comfort acustico.
    Insieme si è parlato delle tendenze dominanti nel settore workplace: una riduzione nella richiesta delle pareti divisorie a fronte dell’esplosione degli Office Pod; riduzione in termini numerici di vendita di scrivanie, ma compensata da più elevati aspetti funzionali, soprattutto di tipologie Sit-Stand (a questi argomenti Assufficio dedicherà due momenti di confronto nei primi mesi del 2019) e sistemi-divano che, da arredi accessori per le aree lounge, sembrano invece diventare vere e proprie workstation.
    Su questi temi sono emerse posizioni tutto sommato concordi da parte dei presenti, ma le aziende associate hanno espresso il disappunto di chi deve confrontarsi ogni giorno con un mercato che chiede solo il prezzo più basso.

    A questa lamentela risponde il presidente Gianfranco Marinelli: se è vero che i Facility Manager hanno il compito di acquistare il Meglio al minor prezzo, l’invito agli associati è quello di lavorare per stabilire e comunicare che cosa sia il Meglio, e trovare strumenti adatti a giustificare acquisti di qualità, spostando la logica dal “prezzo più basso” a quella del “migliore rapporto qualità/prezzo”.
    Ai prossimi incontri, come già è avvenuto in passato, Assufficio porterà la voce dei Facility Manager, magari non solo quelli “illuminati” che condividono una cultura di workplace basata sulla qualità ambientale e sul benessere dei dipendenti.

    Su questo aspetto si è ricordato il ruolo importante e pionieristico svolto dalla ricerca “Ufficio Fabbrica Creativa”, un progetto di Assufficio che già 10 anni fa aveva analizzato i cambiamenti culturali introdotti dalla produzione intellettuale e il valore della qualità dello spazio di lavoro come contesto che genera innovazione e degli arredi come strumenti per creare ambienti in grado di aumentare il benessere e la produttività.

    Si parla anche della difficoltà della rete vendita, che spesso non riesce a tenere il passo con le trasformazioni, con l’evoluzione delle esigenze del mercato (tutto sommato lente e prevedibili, come viene sottolineato dai designer) e con la complessità oggi insita e indispensabile per sistemi di arredo realmente flessibili e versatili. La risposta non può che essere Formazione, approfittando anche delle opportunità di crescita offerte da Assufficio: perchè i dealer non vengono coinvolti negli eventi culturali organizzati dall’Associazione?
     
    Il dibattito si è acceso soprattutto su queste tematiche: quale può essere il valore culturale aggiunto di un arredo per ufficio?
    Le risposte non si soffermano sulle qualità funzionali e tecniche del prodotto che sono date per scontate, ma sugli aspetti emozionali e relazionali.

    “L’ambiente ufficio ha bisogno di più Poesia”, “Il workplace deve recuperare l’appealing che ha perso”.
    E non si dimentica l’importanza dell’emulazione e dei media del divulgare queste nuove “Visioni”. Spesso i clienti chiedono un ufficio “uguale a quello di Google” raccontano gli architetti.
    Nuovi segnali emergono, anche se si tratta pur sempre di un mercato di nicchia.
     
    Lo scenario del presente si delinea in modo abbastanza chiaro, ma cosa succederà nei prossimi 5 anni?
    Quali strategie deve adottare un produttore di arredi che vuole -e deve- essere innovativo?
    La risposta si può trovare solo osservando sul campo i comportamenti, abbandonando paradigmi e archetipi acquisiti e trovando risposte concrete ai nuovi stili di vita e di lavoro, soprattutto a quelli delle nuove generazioni e delle star-up che stanno tracciando anche nuovi canoni estetici e di utilizzo dei beni di consumo. 
    Tra qualche anno i Millennials saranno i Facility Manager, gli architetti, gli imprenditori, i cosiddetti “specifiers” con i quali dovranno confrontarsi le aziende produttrici di arredi per ufficio.

  • Level: ultimo miglio

    06 dicembre 2018
  • Finanziamenti per la formazione delle PMI

    13 novembre 2018
  • PUBBLICATI I RATIOS 2018 e la Graduatoria dei Bilanci

    13 novembre 2018
  • Trend e novità da Orgatec

    12 novembre 2018
  • FOLLOW THE BLUE FLAGS!

    18 ottobre 2018
  • Proud to be member! Assufficio a Orgatec 2018

    16 ottobre 2018
  • Andamento del mercato Ufficio, secondo trimestre 2018

    25 settembre 2018
  • Arredo ufficio: le importazioni nel mondo

    06 settembre 2018
  • Primo Schema CAM arredi

    01 agosto 2018
  • RAEE chiarimenti e adempimenti

    13 luglio 2018
  • Mercato immobiliare Ufficio e nuovi business model

    11 luglio 2018
  • Nuovi bisogni, ma anche tante opportunità

    L’evoluzione delle modalità lavorative

    11 giugno 2018
  • USA: i nuovi limiti per pannelli e imbottiti

    11 giugno 2018
  • A breve disponibile per gli associati

    Rapporto di settore arredo ufficio

    11 giugno 2018
  • 5 maggio

    Workshop per sviluppare il futuro dell’arredo ufficio italiano

    11 giugno 2018
  • Certificazioni, sistemi di rating e strumenti affinché l’eco-sostenibilità non sia solo “green washi

    Sostenibilità del workplace: dal building all’arredo

    08 giugno 2018
  • Norma 1335-1 sedute: si cambia? Revisione norma EN 1335-1

    12 giugno 2018
  • Assufficio, la condivisione non è solo online

    24 aprile 2018
  • Caimi Brevetti, Manerba e Lago in Triennale

    05 marzo 2018
  • Come affrontare le criticità dei CAM

    Sostenibilità ambientale e arredi pubblici

    05 marzo 2018
  • Citterio e Luxy: sinergia tra produttori per un design eco-sostenibile.

    Una nuova sede per Frontiers

    05 marzo 2018
  • Al Fahim Avenue Group sceglie IVM per arredare la nuova sede

    I migliori arredi per l’ufficio sono italiani

    05 marzo 2018
  • Sintesi del seminario “Dalla Burocrazia alla Zainocrazia”

    I nuovi scenari per un ufficio fluido

    05 marzo 2018
  • La normativa tecnica e l’impegno di Assufficio

    01 dicembre 2017
  • Comprendere i CAM arredi, per vendere alla PA

    16 novembre 2017
  • Eletto il presidente di Assufficio

    21 settembre 2017
  • L’Italia primo produttore d’Europa

    21 settembre 2017
  • Standard Level

    06 settembre 2017
  • Come si muovono i mercati mondiali dell’Arredo Ufficio

    28 luglio 2017
  • BIMobject e Pcon - Li abbiamo incontrati

    23 maggio 2017
  • A Joyful Sense at Work: i progettisti raccontano

    21 febbraio 2017
  • Sintesi del Workshop Assufficio, selezionato nel palinsesto di Design City Milano.

    Green Office Design

    26 ottobre 2016
  • Report

    Acustica negli ambienti per Collettività, Roma 7 luglio 2016

    18 luglio 2016
  • Il gioco alla base di un nuovo senso felice del lavoro e del workplace

    26 maggio 2016
  • Misura agevolativa del Super-ammortamento

    16 maggio 2016
  • A joyful sense at work: successo superiore a ogni aspettativa

    28 aprile 2016
  • Un modello di gestionale per creare valore aggiunto e innovazione nello Smart Office

    Design Thinking per un Ufficio sempre più Smart

    18 marzo 2016
  • La certificazione Level europea e la sostenibilità dei mobili per ufficio

    15 gennaio 2016
  • Può l’Industrial Design essere un driver di sviluppo e rilancio per il settore Ufficio?

    Il ruolo dell’Industrial Design nel Workplace.

    21 ottobre 2015
  • Assufficio parla dell’ufficio del futuro nel grattacielo più alto d’Italia

    20 febbraio 2015
  • Grande partecipazione al primo seminario del ciclo “Cultura dell’Ufficio a Porte Aperte”

    Qualità e Sostenibilità nel Workplace. Assufficio protagonista e promotore della nuova cultura dell’ufficio.

    12 dicembre 2014
  • L’ufficio fa da apripista in Iran: il Paese più rilevante del Medio Oriente

    03 novembre 2014
  • B2B Iran: Teheran 18-21 maggio 2014

    03 giugno 2014
  • Assufficio presenta i vantaggi concreti dello Smart Working.

    Seminario: “Verso l’ufficio smart, agile, collaborativo. Nuovi scenari per l’Office Design”.

    20 febbraio 2014 di Renata Sias
  • Un Paese che vive cambiamenti epocali e che ha grande apprezzamento per il made in Italy

    Iran: better than you know!