Firmati due importanti accordi con le organizzazioni sindacali

04 febbraio 2015

MODIFICA DELL’ART. 30 DEL CCNL SU CONTRATTI A TEMPO DETERMINATO E DI SOMMINISTRAZIONE E APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE

il Decreto Poletti ha portato delle modifiche legislative alla normativa sui contratti a tempo determinato e di somministrazione abolendo la “causalità” e quindi permettendo di assumere senza indicare la motivazione e limitato il numero al 20% del totale dei dipendenti a tempo indeterminato e somministrati, mentre il nostro CCNL aveva un limite del 25%.

Nell’accordo firmato, cogliendo l’opportunità data dalla legge, abbiamo innalzando il limite al 30% e dando così la possibilità alle aziende di fruire di questi istituti per rispondere meglio alle necessità che vengono chieste dal mercato o dalla stagionalità delle produzioni. 

Il 30% oltretutto potrà essere raggiunto utilizzando la media annua, vale a dire che si potranno mettere in essere contratti per il 15% per sei mesi e per il 45% per altri sei o addirittura il 60% per i sei mesi dove la produzione lo richiede e nessuno per gli altri sei mesi; l’importante è che il numero complessivo dei contratti di queste due tipologie nell’anno non superi il 30% del numero dei dipendenti a tempo indeterminato (esclusi gli apprendisti) in forza al 1° gennaio.

I limiti minimi di conferma degli apprendisti necessari per poter procedere a nuove assunzioni di apprendisti, sono stati diminuiti dal 50% al 30% per le aziende che occupano fino a 50 dipendenti

Scarica il testo dell’accordo riportato sotto

PROTOCOLLO SUL MOBBING E LE MOLESTIE SESSUALI

L’accordo formalizza le procedure da mettere in essere in caso di mobbing o molestie sessuali all’interno dell’azienda. Si ricorda come da anni giacciano in Parlamento innumerevoli proposte di legge nel merito.

Abbiamo ritenuto di sottoscrivere questo protocollo specifico per dare uno strumento alle aziende per contrastare situazioni imbarazzanti e lesive del buon andamento dell’attività.

Siamo convinti inoltre che questo sia un ulteriore passo verso i concetti di “Impresa Responsabile” che tanto valore assume in particolar modo con clienti di paesi esteri dove questi temi sono molto presenti e considerati sia a livello legislativo che nei rapporti diretti.

Scarica il testo dell’accordo riportato sotto

Documenti