• Importazioni di legname dal Myanmar – Il MIPAAF pubblica una linea guida

    05 ottobre 2017
  • Ulteriore aggiornamento al 18 settembre delle linee guida licenze FLEGT dall’Indonesia

    04 ottobre 2017
  • Nuovo aggiornamento linee guida licenze FLEGT dall’Indonesia

    14 settembre 2017
  • Aggiornamento linee guida licenze FLEGT dall’Indonesia

    21 giugno 2017
  • EUTR: pubblicate le nuove linee guida della Commissione UE

    18 febbraio 2016

    EUTR: pubblicate le nuove linee guida della Commissione UE

    18 febbraio 2016

    La Commissione ha pubblicato le nuove linee guida sul Regolamento (UE) n. 995/2010. Questa versione integra e sostituisce la precedente del settembre 2013

    A tal proposito si precisa che il documento in questione non è giuridicamente vincolante ed ha finalità di orientamento.
    Esso non sostituisce, integra o modifica alcuna disposizione del regolamento (UE) n. 995/2010, del regolamento (UE) n. 363/2012 della Commissione o del regolamento (UE) n. 607/2012 della Commissione, che restano la base giuridica di riferimento. Il testo costituisce tuttavia un utile riferimento per tutti coloro che devono conformarsi alle disposizioni del regolamento in oggetto, poiché chiarisce aspetti complessi del regolamento. Esso può inoltre guidare le autorità nazionali competenti e gli organismi preposti all'attuazione nel processo di attuazione ed esecuzione del pacchetto legislativo del regolamento UE sul legno. 

    Le questioni affrontate nel presente documento sono state decise nel corso del processo di consultazione per i due atti non legislativi della Commissione e dopo numerose riunioni bilaterali con le parti interessate. 
    Gran parte dei contenuti risultano invariati rispetto alla precedente versione. 
    Si segnalano, in particolare, le seguenti NOVITÀ:

    • CAPITOLO 4: CHIARIMENTO SUL REQUISITO RELATIVO AI DOCUMENTI CHE ATTESTINO LA CONFORMITA’ DEL LEGNO CON LA LEGISLAZ APPLICABILE
      “Per poter esercitare la dovuta diligenza in conformità del regolamento UE sul legno, gli operatori devono essere in grado di valutare il contenuto e l'affidabilità dei documenti raccolti e di dimostrare che comprendono il nesso tra le diverse informazioni in essi contenute.” 
       “I soggetti della catena di approvvigionamento dovrebbero adottare misure ragionevoli per accertarsi che tali documenti siano autentici, in funzione della loro valutazione della situazione generale del paese o della regione di raccolta.”

    • CAPITOLO 11: TRATTAMENTO DEGLI AGENTI 
      Questo capitolo fornisce chiarimenti sul ruolo dell’agente precisando che “le parti contrattuali sono il fornitore e l'acquirente, mentre l'agente è un intermediario.”
      Si aggiunge inoltre che “I requisiti in materia di dovuta diligenza per gli operatori restano immutati, a prescindere dal fatto che essi ricorrano o meno a un agente. Se un agente che fornisce legname ad un operatore non può o non vuole fornirgli informazioni sufficienti all'esercizio soddisfacente della dovuta diligenza, l'operatore dovrebbe modificare i propri canali di approvvigionamento per ottemperare ai propri obblighi.”
      Si rimanda al Capitolo in questione per una trattazione più completa.

    • CAPITOLO 12: TRATTAMENTO DEGLI ORGANISMI DI CONTROLLO
      Di particolare interesse in questo Capitolo è il chiarimento in merito all'uso di "CERTIFICATI DI DOVUTA DILIGENZA" nei paesi terzi (Punto 3.) in cui si riporta:

      “Il fatto di ricevere un certificato del genere non dispensa l'operatore dall'obbligo di esercitare la dovuta diligenza di cui all'articolo 6 del regolamento UE sul legno. Un organismo di controllo o la sua società affiliata stabilita al di fuori dell'UE che rilasci un certificato di questo tipo dovrebbe specificare che ciò non dispensa l'operatore dall'obbligo di esercitare la dovuta diligenza. 
      È possibile tuttavia utilizzare un certificato nell'ambito di un sistema di dovuta diligenza, analogamente ad altri documenti che attestano la conformità (ad esempio, certificati relativi al sistema di verifica della legalità). In tal caso, l'operatore dovrebbe stabilire con precisione che cosa attesti il certificato e la frequenza dei controlli nel quadro dell'esercizio della dovuta diligenza. Dovrebbe avere altresì, per ulteriori domande o qualora dovesse verificare la validità dei certificati, un referente presso la società che effettua i controlli.”
      Anche in questo si rimanda al documento completo.

    Clicca qui per visualizzare le nuove linee guida

  • Nota esplicativa MIPAAF a seguito dei primi controlli sull’applicazione dell’EUTR

    21 dicembre 2015
  • Controlli EUTR – indicazioni a seguito dei primi controlli sull’applicazione dell’EUTR

    13 ottobre 2015
  • Due Diligence: Conlegno e WWF Italia lanciano il monitoraggio del mercato del legno e della carta

    28 luglio 2015
  • Studio statistico sulle importazioni dell’Unione Europea di legno e prodotti derivati

    23 luglio 2015
  • EUTR iniziano i controlli

    20 luglio 2015
  • Consultazione pubblica per la revisione dell'EUTR

    16 giugno 2015
  • 10/12/14 Pubblicato in GU il Decreto Leg. n.178 del 30/10/14

    Il 25 Dicembre entra in vigore Decreto attuativo e sanzionatorio

    16 dicembre 2014
  • Circolare aggiornata su Decreto nazionale EUTR/FLEGT

    21 ottobre 2014
  • Legno illegale - EUTR

    MIPAAF: approvato in via definitiva il decreto attuativo sul legno illegale

    22 settembre 2014
  • MIPAAF: approvato decreto per attuazione Regolamento UE n. 995/2010

    20 maggio 2014
  • L'AHEC sostiene la lotta al commercio illegale del legno