Approfondimenti

  • Accordo con i sindacati per informazioni e consulenze sul Bonus Mobili

    Milano, 30 gennaio 2014

    FederlegnoArredo unisce le forze con i sindacati per nuova politica industriale volta alla ripresa dei consumi nazionali e dell’occupazione. Le linee generali di questa nuova politica industriale sono state delineate questa mattina durante una conferenza stampa al termine della quale FederlegnoArredo, Feneal UIL, Filca CISL e Fillea CGIL hanno siglato un importante accordo nazionale per l’assistenza dei CAF sull’applicazione del Bonus Mobili.

    Giovanni De Ponti, direttore generale di FederlegnoArredo, ha delineato un chiaro quadro: dall’inizio della crisi il settore Legno-Arredo ha perso 50.000 posti lavoro e 12.000 imprese. Numeri drammatici che esigono una politica industriale nuova, dove imprenditori e sindacati possano dialogare per trovare soluzioni che garantiscano il rilancio del settore. Il Bonus Mobili è l’esempio concreto di un provvedimento supportato da associazioni di categoria e sindacati che sta iniziando a portare benefici concreti per i consumatori con ricadute positive in termini di salvaguardia occupazionale e delle imprese.

    L'accordo è stato siglato da Fabrizio Pascucci, segretario nazionale Feneal UIL, Paolo Acciai, segretario nazionale Filca CISL e Marinella Meschieri, segretario nazionale Fillea CGIL, con l’obiettivo di individuare soluzioni concrete per uscire dalla crisi, facendo politica industriale insieme a tutto tondo su vari temi come occupazione, formazione, automazione, ecc.

    In rappresentanza dei CAF delle tre confederazioni nazionali, Valeriano Canepari (presidente CAF CISL, nonchè presidente della Consulta Nazionale CAF) ha evidenziato che il loro lavoro si concentra su “fare delle cose che possano essere d'aiuto ai contribuenti e ai cittadini”. A seguito dell’accordo, i CAF garantiranno assistenza gratuita ai contribuenti che eseguono delle ristrutturazioni, impegnandosi sia a veicolare informazioni tramite le loro strutture con materiale chiaro ed esaustivo, sia a fornire consulenza con operatori che forniranno aiuto pratico per le singole situazioni. 

  • La Presidenza del Consiglio e le misure casa

    La Presidenza del Consiglio del Ministri ha avviato una campagna di comunicazione a sostegno degli incentivi per le ristrutturazioni edilizie e mobili o per gli ecobonus.

    Tutte le misure sono raccolte all’interno del nuovo contenitore casa.governo.it .

  • 31 maggio 2013 - Arredi detraibili al 50% grazie a FederlegnoArredo

    «Quello di oggi è un grande risultato per FederlegnoArredo e per tutte le imprese che hanno dimostrato di credere in un lavoro di squadra che negli ultimi mesi ci ha visti impegnati per favorire l'approvazione di uno strumento che avrà ripercussioni positive sui consumi e sull'intero sistema del legnoarredo». Questo il commento di Roberto Snaidero, presidente FederlegnoArredo, alla decisione del Governo di inserire gli arredi nelle detrazioni Irpef del 50% previste per le ristrutturazioni. Un fatto storico in quanto per la prima volta è stato inserito l'intero macrosistema arredo senza alcuna limitazione (e non singole categorie merceologiche come avvenuto in passato) contribuendo al rilancio di un comparto in forte sofferenza. «Grazie alla lungimiranza del premier Enrico Letta e del ministro delle Infrastrutture, Maurizio Lupi, potranno essere salvaguardati 8.000 posti di lavoro e 1.800 piccole imprese. Da una stima del nostro Centro Studi tale defiscalizzazione comporterà un recupero di spesa al consumo di quasi 1,8 miliardi di euro nel 2013».

    Documenti
  • Il 50% sulla stampa

    Una selezione di articoli apparsi sulla stampa e di interviste rilasciate nei giorni seguenti all'approvazione del provvedimento.